Il ritorno di un grande classico per PS1.



Titolo: Crash Bandicoot N.Sane Trilogy;
Genere: Platform;
Sviluppatore: Vicarious Visions;
Data di pubblicazione: 30 Giugno 2017;



image


Mi piacerebbe molto parlare solamente del potenziale grafico e di tutti i paragoni da fare tra le versioni PSX e Playstation 4, ma parliamo piuttosto del ruolo attuale che assume Crash Bandicoot N.Sane Trilogy nel mercato. Tralasciando l'operazione nostalgia effettuata da Activision e Vicarious Visions, il remake di una delle trilogie più amate dalla community videoludica permette alle nuove generazioni di conoscere uno dei grandi classici PS1, punto di riferimento della produzione e sviluppo dei platform attuali, nonché trampolino di lancio per Naughty Dog durante gli inizi della cavalcata Sony nel mercato videoludico. Crash Bandicoot, rivolgendomi ai nuovi videogiocatori, è un ritorno giusto al momento giusto, un platform che permette di avvicinare vecchia e nuova generazione ormai sempre più distanti. 


image


Crash Bandicoot è un platform vecchia scuola, con livelli lineari e ostacoli da superare, insomma niente di più basilare per il genere a cui appartiene. Il brand, così come la trilogia restaurata, si distingue per i suoi caratteri cartoneschi così come le soundtrack, il tutto ricreato perfettamente senza alcun margine di errore. Seppur vero che lo sviluppo sia stato fatto da zero, da un'altra software house, i primi tre capitoli non hanno niente di diverso, se non delle piccole aggiunte sul fronte collezionabili. Da menzionare l'eccellente lavoro fatto da Vicarious Visions, che non solo si è trovata tra le mani un qualcosa che oggigiorno vien definito sacro, ricreandolo dal nulla, oltre al peso che si è presa sulle spalle, è riuscita a riprodurre quelle emozioni che si provavano ben vent’anni fa. Si nota anche qui la differenza tra i tre capitoli: nel primo, abbiamo dei comandi macchinosi, a seguire nel secondo si noterà una maggior libertà nei movimenti grazie ad alcune abilità che si potranno utilizzare in esso, come la scivolata per esempio, per poi concludere con il terzo, dove avremo una maggior fluidità nel gameplay, permettendo così meno errori e maggior precisione nei movimenti. Una pecca evidente che la collection si porta, è lo sbilanciamento della difficoltà in rapporto tra livello e boss fight, quest'ultima ridicolmente semplice e non consono con tutto il resto del gioco. 


image

Per provare ancor più nostalgia, i comandi classici sono stati riportati anche in questo remake, ovvero, potremo scegliere se muoverci con gli analogici oppure con le classiche freccette direzionali, ed anche azioni come salto e giravolta sono rimaste invariate, così come l'HUD: troveremo le vite in alto a destra e i frutti Wumpa in alto a sinistra, con triangolo potremo anche vedere quante casse abbiamo distrutto (cosa che nell’originale primo capitolo non era possibile). Questa trilogia, ci permetterà anche di eseguire delle speedrun per livello, dove a seconda del tempo ottenuto, otterremo una reliquia, così come distruggendo le casse otterremo delle gemme, che serviranno per il completismo del gioco. Oltre all'ottimo lavoro per la riproposizione dei personaggi della serie nella nuova veste grafica,  stessa sorte anche per i nemici sparsi, riprodotti in maniera fedele rispetto alle vecchie versioni. Vi è un'incredibile cura per i dettagli nel remake, con i giochi di luce che donano ottime ombre, accompagnati  da ottimi effetti particellari e riflessi sull'acqua eccezionali, per non parlare della realizzazione delle superfici e gli scenari per ciascun livello. Per andare più nello specifico, la collection gira in 1080p a 30fps su Playstation 4 standard, mentre sulla Pro, girerà in 1440p a 30fps, rendendo così l'immagine più pulita. 

image

Oltre alla "purezza" conservata in questo remake, vi è un'aggiunta simpatica e interessante, Coco. La sorellina di Crash, sarà un personaggio che potremo utilizzare, essa avrà un gameplay simile a quello del fratello e sarà sempre disponibile durante l'avventura. Passando invece al lato hardcore del titolo, bisogna qui avvertire le nuove leve: non aspettatevi un gioco semplice da completare al 100%. Non mancheranno dei veri e propri momenti di frustrazione in alcuni livelli della trilogia, un salto non eseguito bene potrebbe mettervi nei guai, così come dovrete far attenzione alle trappole sparse nei livelli e alle superfici, come quelle ghiacciate che vi complicheranno la vita. 


image

Ovviamente Crash Bandicoot N.Sane Trilogy è il ritorno più richiesto dal pubblico, dopo l'annuncio all'E3 2016 e alla presentazione del gameplay durante il Playstation Experience di Gennaio, abbiamo avuto modo di ricordare quei pomeriggi spesi a videogiocare da bambini, le emozioni di una volta tornano in una generazione di cui ne è quasi priva o che, raramente si possono provare. Ovviamente, questo remake è un segno, così come lo saranno i remake di Final Fantasy VII e Shadow of the Colossus, che un videogioco a distanza di anni non è ancora morto, con la speranza di vedere un giorno, il ritorno di grandi classici e leggende immortali, proprio come Crash Bandicoot.


Gioco testato su Playstation 4 standard.


-Yaiba12